Senza categoria

Ce sta ancora chi sta ca speranze e s’abbraccià nu cumpagne, nu parente, nu frate o nu genitore, pecché la perse rinde a nu battite d’uocchie, o core a loro a fernute e battere pecché Dio a decise e se piglià..
Simme sule strafuttente pecché vulesseme ca chiunque vulimme bene rimanesse sembe cca cu nuije ma purtroppo na vote jute n’ciele nun se po cchiù turnà, hai voglia e aspettà, e to sunnà, ddo verè rinde a na sviste, tante chi a mise l’ale è diventate angelo, chi è diventate angelo nun pò cchiù turnà, divente invisibile.
Ma chillu pensiere ca ogni notte torne a se fa sentì, a mancanza aumenta sembe e cchiù juorne ppe juorne..
Torne a ripetere ca ce sta chi vo abbraccià na mamme o nu paté, nu frate o nu figlio mentre invece ce sta chi o tene e nunn’è o vo apprezzà!

Cit. Anthony D’Atri